Recensioni

CrisDesign alias Cristian Bellini, originario di Rimini, prosegue la tradizione del padre artista, Raffaele Bellini.
Il suo microcosmo creativo è costituito da una visione astratta della realtà caratterizzata da un guizzo pittorico vivace e deciso, incisivo e pastoso. Il contenuto che sfiora e talvolta raggiunge un figurativo dal gusto pop, non è mai banale, piuttosto contraddistinto da eclettismo visionario.
Insoliti riferimenti sono destinati ad un mondo esterno dal duplice risvolto, idilliaco e solitario nelle rappresentazioni di landscape interiori, feroce e meccanicistico dal gusto pop, appartenente a logiche monetarie di mercato.
Sarebbe assurdo categorizzare in filoni o correnti pregresse un artista come Cristian Bellini, la sua poetica è puro eclettismo di un’età contemporanea che amplifica la condizione dell’uomo moderno e prima dell’artista vate, nella solitudine di un mondo globale, in cui il localismo interiore rappresenta l’unica salvezza, nucleo intimistico dove trovare rifugio, dove trovare sè stessi.
La mercificazione artistica del simbolo Banconota, diviene icona di più mali contemporanei; l’artista la carica di messaggi di irriverente ironia, la rende pittoricamente materica, la esorcizza trasformandola in ricettacolo multidimensionale di cattive abitudini, quasi sempre appagate.
L’arte di CrisDesign è continua tensione creativa, tra rigore tecnicistico, irriverenza contenutistica, rifugio in un insolito microcosmo personale, eclettico e visionario.

Giorgio Gregorio Grasso (Storico e Critico d’Arte)

 

Bellini Cristian artista romagnolo , e’ il pittore piu’ contemporaneo di tutti . Ha inventato questo nuovo modo di dipingere la moneta , dove c’e’ un tema politico, ideologico e di mercificazione. In alcuni casi con tecniche particolari come il dripping sgocciolante rifinito fino alla fine . […]Sono molto contento di averlo proposto.

Lucio Scardino, (storico dell’arte e critico)

 

Con Cristian Bellini si prosegue la tradizione di famiglia ed ha realizzato diverse mostre personali e collettive che lo hanno condotto fino agli Stati Uniti d’America.
CrisDesign predilige i luoghi insoliti, e predilige rappresentarli in un modo altrettanto insolito. Sono mondi astratti e continuamente sospesi fra il possibile e l’impossibile, cosi come è giusto che sia, in quanto perché è compito dell’arte rendere possibile tutto ciò che generalmente viene visto come impossibile. Le sue opere sono una interpretazione di un modo impossibile che l’Arte creativa trasforma in possibile, e dove la pace così attinta da tutti quanti si concretizza in un mondo irreale e in un momento freddo e caldo, nell’ora del tramonto

Rosetta Savelli, creative Writer, (Juliet Art Magazine)

 

La sua attitudine per il disegno, e con esso ogni forma ed espressione artistica, negli anni viene portato avanti in modo intimistico e libero da ogni intenzione dimostrativa, concentrandosi maggiormente sulla pittura, sua più grande passione.
[…] l’Artista e’ concentrato sull’iconografia, riporta in vita momenti di vita vissuti intensamente, vibranti di energia, che sono rimasti impressi non solo nello sguardo ma anche nell’anima inconscia.
La sua ricerca artistica, si evolve seguendo la sperimentazione figurativa ed  informale, pensata in relazione a una produzione pittorica autonome ed in continua evoluzione, darà sostanza e forma a una realtà traboccante di colori sgargianti e vividi uniti all’arte concettuale.

Azzurra Immediato (storica e critica d’Arte)

 

Ci sono artisti che scelgono di nascere e svilupparsi come dei classici, ignorando le passioni e le controversie della contemporaneità’. In questo caso la vera stampa d’autore e in particolare l’acquaforte ispira molto i suoi disegni, che sono fatti con la stessa meticolosità’. Sono vere e proprie icone, che sarebbe molto difficile mettere in discussione , appoggiati come sono alla stessa autorevolezza, e ad un imbattibile maestria tecnica .[..]Sara’ il solito gioco di contrasti ma Cristian, dipinge in astratto  con i colori tipicamente nordici ,nonostante sia italiano.Accosta tinte forti ad una frenetica gestualità’; la sua semplificazione raggiunge quel genere di astrattezza un po’ metafisica, che si ritrova nei paesaggi quotidiani. Ricordando inoltre la sua arte figurativa : “L’Arte al contrario della filosofia non deve cercare di indagare la natura del reale . Deve cercare semmai di rappresentare la realtà’, di renderla comprensibile “.

 

Nicoletta Cobolli Gigli  (scrittrice rivista Arte e il Messaggero )

 

Fermarmi e osservare le sue opere cosi particolari e piene di cretivita’ e colore,mi ricorda la mia infanzia.Quando anche io ero vittima di una smisurata impazienza di trasferire su tela cio’ che provavo e pensavo .

 

Romano Buratti (pittore)

 

 

“Cristian Bellini, un artista tanto eclettico quanto sperimentatore, grazie alla molteplicità delle sue esperienze e ovviamente alla sua capacità di trasferire figurativamente uno stato d’animo, una sensazione, un concetto…

E questi concetti arrivano al fruitore delle sue opere, molto semplicemente, molto direttamente, anche perchè viene stimolata la curiosità di chi guarda, e questi rimangono colpiti dalle scelte cromatiche, dagli accostamenti di materiali, di tecniche pittoriche.
Molto particolare poi nei suoi dipinti figurativi la scelta di rappresentare così spesso il denaro, la carta moneta così come le monete in metallo che spesso vengono inglobate fisicamente nel dipinto, diventando un tutt’uno e trovando quindi una dimensione nuova, mai vista prima. Gli effetti cromatici sono poi molto interessanti e colpisce il vedere come accostamenti anche insoliti, in realtà sono al posto giusto, ottengono l’effetto giusto.

Non si può poi non menzionare i disegni di Cristian, realizzati quasi tutti con penna su carta, in una meticolosità del tratto, in un contrasto tra bianco e nero che affascina, rende quasi magico l’effetto ottico di intravedere in quei segni una figura, un oggetto. Si tratta di piccoli capolavori che amplificano la capacità di far scaturire il soggetto dell’opera, quasi in simbiosi con lo spettatore e i suoi stati d’animo.”
Yuleisy Cruz Lezcano  (scrittrice e poetessa)